Confesso che per anni e anni non ho voluto tenere un diario. L’idea non mi piaceva proprio, l’associavo all’adolescenza, che per me 1) non è stato un periodo facile, 2) è finita da un pezzo.

Cosa mi ha fatto cambiare idea? Le valanghe di testimonianze a favore, anche molto autorevoli.

Tenere un diario è una pratica che realmente ti cambia la vita. Come ho scritto nell’articolo sulla mia routine mattutina, ti aiuta a capirti e a chiarirti, ti abitua alla riflessione, a essere centrato e consapevole, a non perdere la rotta.

Ho sperimentato vari modi di tenere un diario, con l’obiettivo di trovare il mio modo, vale a dire il migliore per me. Si è trattato di capire tre cose, in sostanza:

  • su che cosa scrivere (carta o app?)
  • come scrivere (liberamente o seguendo un modello strutturato?)
  • quando scrivere (meglio la mattina o a fine giornata?)

La prima questione l’ho smarcata velocemente: su carta, tutta la vita (per questo tipo di attività, non per qualunque cosa ovviamente). Scrivere a mano aiuta la riflessione ed è molto meno facile distrarsi.

Riguardo al come e al quando scrivere ho trovato la soluzione migliore per me (e per moltissimi altri, visto che conta stuoli di fan) nel Five Minute Journal, un modello di diario inventato da UJ Ramdas e Alex Ikonn, di cui gli autori hanno realizzato una versione cartacea e, volendo, anche un’app (in inglese).

Il successo della formula si deve alla sua straordinaria efficacia e al fatto che porta via soltanto 5 minuti (e 5 minuti ce li abbiamo proprio tutti).

 

COME FUNZIONA IL FIVE MINUTE JOURNAL

 

Il Five Minute Journal è strutturato a domande fisse e si scrive in parte al mattino, appena svegli, in parte alla sera. Ecco i punti da compilare al mattino:

 Oggi sono grato per… (scrivi 3 cose per cui sei grato, è provato che la gratitudine è fondamentale per il nostro benessere).

● Oggi che cosa renderebbe la giornata grandiosa? (scrivi 3 attività importanti per te, che, se completate, ti renderebbero soddisfatto per aver impiegato bene la giornata).

 Io sono… (scrivi un’affermazione che ti motivi e che ti aiuti a riprogrammare in modo positivo il tuo dialogo interiore).

Ed ecco i punti da compilare la sera:

 Quali sono le cose meravigliose successe oggi? (scrivi 3 cose belle, anche piccole, ma che ti facciano chiudere bene la giornata).

 Come avrei potuto rendere migliore la giornata di oggi? (questo è uno step fondamentale per cambiare e migliorarti).

Come vedi, è uno schema semplicissimo e velocissimo, in pochi minuti ti rende consapevole di ciò che hai, di ciò che vuoi, di ciò che puoi fare meglio.

Quando ho deciso di tenere un diario, come dicevo, ho optato per la carta. Uso i taccuini Moleskine a copertina morbida, anche perché sono molto piacevoli al tatto, e delle penne cancellabili (specifica utile per gli amanti delle pagine “pulite”).

Se sono riuscita a convincerti a provare a tenere un diario, qualunque esso sia, ti consiglio di farne anche tu un’esperienza gradevole scegliendo un bel taccuino o quaderno, su cui ti faccia piacere scrivere. Ti renderà più facile farne un’abitudine.

 

Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione possibile. Per dare il tuo consenso al loro utilizzo, clicca l'apposito bottone. Se vuoi approfondire, puoi visitare la pagina dedicata per capirne di più. Voglio approfondire

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi