Avere delle passioni è importante, coltivarle lo è ancora di più. La passione, in qualunque ambito, è un cavallo alato.

La questione è che anche questo sembra essere diventato un obbligo, come se dovessimo essere sempre e per forza pieni di passione e di passioni, perché lo spot pubblicitario di noi stessi ci vuole spumeggianti a oltranza e senza aree di grigiore. 

In realtà le nostre vite sono così piene e frenetiche, che spesso non sappiamo neanche più dove stia di casa la passione. Come se i tanti, troppi doveri ci avessero spento.

In alcuni periodi della mia vita mi è capitato di non riuscire più ad appassionarmi, perché troppo stanca e oberata. “Vorrei solo poter dormire un po’!”, questo era il massimo che riuscivo a dirmi. Di passioni neanche l’ombra. Spente, o perdute chissà dove.

È difficile ammettere di non sentire più niente, quindi spesso fingiamo e così anche la passione diventa performance, un altro ambito nel quale essere all’altezza. 

Visto che però, quando è autentica, la passione rimane una cosa meravigliosa, il punto essenziale è uno e uno soltanto: come possiamo tornare ad appassionarci? Come recuperare il nostro cavallo alato?

 

SULLE TRACCE DELLA PASSIONE PERDUTA

 

Quando ero piccola, avevo un rapporto estremamente controverso con la fiaba di Pollicinoper me era una sorta di film horror.

L’unica cosa che mi piaceva era la faccenda dei sassolini, mi sembrava una cosa furbissima (nota per chi non se la ricorda: il protagonista per ritrovare la strada di casa lascia dietro di sé, nel bosco, una traccia di sassolini. Poi una volta, non avendo sassolini, segna il sentiero con delle briciole di pane e s’incasina tutto, ma non è questo l’oggetto dell’articolo…). 

Prendo in prestito dalla fiaba il concetto, perché torna particolarmente utile: anche le nostre passioni hanno lasciato tracce, solide tracce. Come ritrovarle per ritrovarci, nel fitto bosco degli impegni e delle preoccupazioni? 

La risposta è in realtà a portata di mano: la traccia da seguire è la curiosità.

Se la passione è una fiamma, la curiosità è un guizzo, qualcosa di molto meno intenso e dunque gestibile, anche quando siamo esausti. Ma è un guizzo importantissimo perché ci riporta a casa

 

COME RITROVARE LA CAPACITÀ DI APPASSIONARSI

 

Ecco come puoi fare a ritrovare la tua capacità di appassionarti:

1. Cogli i segnali di interesse. Che cosa ti incuriosisce? Quali immagini ti catturano? Da quali articoli, libri o film sei attratto? Percepisci ogni segnale, anche se debole. Ascolta la tua curiosità, cogli tutto quello che ti produce una scintilla, anche piccola, di sincero interesse e di piacere (questo è un punto essenziale: dev’essere un pensiero piacevole per te, se ti appesantisce, scartalo). 

2. Non giudicarti. Non spegnere la scintilla sottoponendola a giudizi o censure preventive, perché ti sembra che non abbia nessuna coerenza con quelle che sono sempre state le tue passioni. Il “cosa” per il nostro scopo è totalmente secondario. Se senti un guizzo di attrazione per cose come metterti a fare il pane in casa o per un argomento insolito, proteggilo. Non dirti che è insensato, non lasciar correre.

3. Sperimenta. Attaccati al tuo guizzo d’interesse, segui la tua scintilla di curiosità, alimentala, soffiaci sopra. In una parola: prova. Non aspettare di avere passione per agire, agisci per tornare ad avere passione

Un’accanita sostenitrice di questo utilizzo della curiosità, e della curiosità in generale, è la scrittrice Elizabeth Gilbert, autrice dei bestseller Mangia, prega, ama e Big Magic (a proposito, ti suggerisco di vedere il suo bellissimo TedTalk sulla creatività). 

Ha raccontato in diverse interviste di come, dopo il clamoroso successo del libro, si sia ritrovata disorientata e priva di passione per la scrittura e di come l’aver perseguito un nuovo, insolito interesse (per la cronaca: per il giardinaggio) le abbia consentito di riaccendersi e di ritrovare poi la sua passione primaria. 

Basta un piccolo impulso per attivare il processo, perché il punto è, come sempre, rimettersi in azione.

Ti sorprenderai.

 

Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione possibile. Per dare il tuo consenso al loro utilizzo, clicca l'apposito bottone. Se vuoi approfondire, puoi visitare la pagina dedicata per capirne di più. Voglio approfondire

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi