Cominciare dal riordino della casa è sempre una buona idea: trasformare l’ambiente in cui viviamo ha riflessi profondi e immediati su di noi e sul nostro umore. Questa è la ragione per cui considero il tema del riordino tutt’altro che secondario.

Ho letto moltissimo sull’argomento e fatto diversi corsi, cercando le soluzioni più efficaci. Non ho mai adottato un solo metodo, mi piace sentirmi libera di prendere quello che trovo effettivamente utile.

In quest’ottica, ti propongo 10 strategie di riordino particolarmente efficaci e di una portata che va ben al di là della loro applicazione pratica, nonostante siano molto semplici:

● LO USO? MI DÀ GIOIA? LO RICOMPREREI? Queste tre domande sintetizzano più o meno tutto quello che c’è da chiedersi quando si fa un decluttering, per decidere che cosa tenere e che cosa buttare. Se rispondi affermativamente, l’oggetto è da conservare. Personalmente, uso moltissimo l’ultima, perché domandarmi se ricomprerei un oggetto mi consente di avere una migliore consapevolezza delle mie necessità e dei miei gusti attuali, che certamente non sono quelli di dieci anni fa.

● APPLICA LA REGOLA DEI DUE GESTI. Se per mettere una semplice sciarpa devi aprire l’armadio, tirare giù una scatola che sta davanti a quella delle sciarpe, aprire la scatola delle sciarpe, tirare fuori altre sei sciarpe che stanno sopra a quella che desideri indossare, perderai un sacco di tempo e ti stresserai per niente, oppure finirai per desistere e mettere sempre la solita.

Per lo stesso motivo, se diventa troppo faticoso riporre un oggetto lo lascerai in giro. Quindi è fondamentale che prendere una cosa o rimetterla a posto non ti costi più di due gesti (ad esempio: aprire un’anta + estrarre/riporre un capo).

Avere un accesso immediato agli oggetti che ci servono cambia la vita, va sempre tenuto a mente riordinando. Le soluzioni sono tantissime: togliere i coperchi alle scatole e piegare gli indumenti in verticale, usare i contenitori a cassettiera, appendere sciarpe e cinture, utilizzare in cucina piatti girevoli, ecc. (per l’armadio puoi trovare ispirazione in questo video della professional organizer Alejandra Costello; sul suo canale ne trovi per ogni zona della casa).

● OGNI COSA AL SUO POSTO, UN POSTO PER OGNI COSA. Banale, ma fondamentale. Ogni volta che utilizzi qualcosa, poi rimettila a posto in giornata. Se lo fai, mantenere l’ordine ti porterà via pochi minuti al giorno e non diventerà mai un impegno soverchiante.

Tutti gli oggetti di una categoria devono essere conservati nello stesso posto, in modo da poterli trovare facilmente e da renderne automatico il riordino. Quando assegni il posto a una categoria di oggetti, chiediti sempre se è il più comodo e il più funzionale per l’utilizzo che ne farai.

● BASATI SULLA CAPIENZA DEI MOBILI CHE HAI (E ANCHE MENO). Qual è il limite della roba che puoi tenere? La risposta è semplice: la capienza dei tuoi mobili meno un 20%. Questa percentuale varia da metodo a metodo e non rileva più di tanto. L’importante è il principio: ci dev’essere abbastanza spazio vuoto per poter aggiungere agevolmente qualcosa di nuovo, senza mettere in crisi l’intero sistema.

● USA LA VISTA PER RISPARMIARE LA MEMORIA. Utilizza il più possibile contenitori trasparenti. Vedere che cosa c’è nei contenitori ti faciliterà di molto la vita e ti risparmierà lo sforzo di ricordare. Basta un’etichetta colorata a renderli piacevoli.

● METTI IN USO LE COSE BELLE. Gli oggetti che usiamo quotidianamente influenzano la nostra giornata, quindi trattati al meglio, tira fuori e usa adesso le cose più belle che possiedi, senza rimandare a un’occasione speciale in un futuro indeterminato. Renderanno speciale il presente, perché le cose belle sono una fonte di appagamento.

● CREA UNA MEMORY BOX. Gli oggetti legati ai ricordi sono in assoluto i più difficili da lasciar andare, soprattutto se riguardano persone che non ci sono più (e infatti non bisogna mai cominciare un riordino da quelli). Tanti consigliano di fotografarli e poi gettarli, ma non è la stessa cosa. Una buona soluzione consiste nel creare un “posto”, di capienza limitata, anche per i ricordi: un contenitore dove raccogliere lettere, piccoli oggetti, vecchie foto. Sarà una sola scatola, ma molto speciale.

● LIMITA LE SCORTE. Tutto ciò che compriamo occupa spazio, scorte incluse. La casa non è un magazzino, lascia che le scorte siano stoccate nei supermercati, non in casa tua. A volte neanche ci ricordiamo di avere tre pacchi di dodici confezioni di fazzolettini e ne compriamo un quarto. Tieni una scorta minima dei prodotti che usi: una sola confezione, da reintegrare solo quando la inizi.

● CREA UN RACCOGLITORE “LAVORI IN CORSO”. Bollette da pagare, multe, fatture per la prossima dichiarazione dei redditi… tutti i documenti cartacei ancora da evadere vanno conservati in un unico posto, in un raccoglitore dedicato. Evita il rischio di perderli e rende più facile sbrigare quello che c’è da fare.

● LIMITA I CONTENITORI VUOTI. Hai gli armadi e armadietti pieni di scatole vuote, di trousse/bustine per cosmetici ancora nel cellophane, di sacchetti di ogni dimensione? Fare di armadi e cassetti dei contenitori di altri contenitori (vuoti!) è un incredibile spreco di spazio. Quanti sacchetti è il caso di conservare, tenendo conto che ogni settimana ne entrano in casa di nuovi? Stabilisci quanti te ne possono realmente servire e liberati di tutto il resto.

Ho già parlato in varie occasioni dei tre libri che ho trovato più significativi sul tema di quest’articolo. Te li riporto qui tutti insieme, per tua comodità:

L’arte della semplicità di Dominique Loreau (il mio preferito in assoluto)

Il magico potere del riordino di Marie Kondo (anche nella recentissima versione a fumetti, molto gradevole)

Dan-Sha-Ri. Riordina la tua vita di Hideko Yamashita

Buon riordino!

 

Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione possibile. Per dare il tuo consenso al loro utilizzo, clicca l'apposito bottone. Se vuoi approfondire, puoi visitare la pagina dedicata per capirne di più. Voglio approfondire

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi