Hai già sentito parlare delle “Persone Altamente Sensibili”? Sai che una persona su cinque lo è, magari senza saperlo? Oggi ospito un articolo della coach Monica Aluisetti, che ha molto approfondito questo tema:

 

Agli inizi degli anni ’90, la psicoterapeuta e ricercatrice americana Elaine Aron decise di intraprendere studi approfonditi su soggetti che manifestavano una particolare sensibilità (ma non solo).

Scoprì che queste persone erano accomunate da una serie di dinamiche e comportamenti ben precisi e le chiamò “Persone Altamente Sensibili” (Highly Sensitive Persons).

 

SCOPRI SE SEI UNA PERSONA ALTAMENTE SENSIBILE

 

Vuoi scoprire le caratteristiche delle Persone Altamente Sensibili?
Sono davvero moltissime. Ecco le più importanti, per fartene un’idea:

1) sono grandi osservatori, molto attenti ai dettagli ed alle sfumature;

2) sono persone particolarmente dotate di empatia;

3) hanno tendenza al perfezionismo;

4) vivono le ingiustizie con estrema sofferenza;

5) si sentono facilmente fuori contesto;

6) rimuginano continuamente su comportamenti, situazioni e atteggiamenti, perché non riescono a fermarsi alla sola superficie, soprattutto nei rapporti;

7) risentono molto dell’ambiente che le circonda e delle emozioni altrui;

8) avvertono con maggiore intensità odori, suoni e luci, perché i loro sensi sono particolarmente reattivi;

9) tendono a somatizzare, perché affrontano le difficoltà con grande dispendio di energie;

10) faticano a dire di no e a porre dei limiti, sia a se stessi sia alle richieste altrui.

La cosa importante da sapere è che si nasce con questa spiccata sensibilità, non si sceglie: è un tratto genetico della persona, tanto quanto il colore degli occhi e dei capelli.

 

CHE COSA FARE PER CONVIVERE AL MEGLIO CON UNA SPICCATA SENSIBILITÀ

 

Di seguito trovi alcuni suggerimenti per vivere al meglio da Persona Altamente Sensibile e per recuperare l’eccessivo dispendio di energia che questo comporta, sia da un punto di vista mentale che fisico:

 quando suona la sveglia, muoviti lentamente e in modo graduale, non piombare subito nella modalità to-do;

 creati una routine mattutina: gli automatismi sono rassicuranti e ci alleggeriscono, perché ci evitano di dover decidere ogni mattina i successivi passi da compiere;

 utilizza gli oli essenziali e le profumazioni naturali; i migliori per un effetto calmante sono la lavanda, il mandarino e l’arancia;

 in casa usa luci soffuse e calde, ideali per rilassare la vista;

 presta attenzione alle temperature, in casa e fuori, e vestiti a strati;

 evita, se e quando possibile, i rumori prolungati ed eccessivi, dei quali la maggior parte delle persone pare non accorgersi, ma che ti provocano irritazione e nervosismo;

 ritagliati dei momenti di solitudine, almeno 30 minuti al giorno: fare una passeggiata (preferibilmente in prossimità di un corso d’acqua, se ne hai uno vicino), ascoltare della musica che ti piace, stare in mezzo alla natura o anche solo in un giardino, dedicarsi a un’attività preferita, sia essa creativa o puramente fisica, aiutano a mantenerti in contatto con la tua essenza e a scaricare la tensione accumulata nel corso della giornata;

utilizza delle app che ti permettano di recuperare una corretta respirazione e di rilassare la mente, utili anche quando hai poco tempo (sui mezzi pubblici, mentre cammini, prima di addormentarti la sera).

Ne suggerisco una per il respiro estremamente efficace: si chiama Breath Ball. Dopo aver settato una serie di semplicissimi parametri, si segue sul video una pallina che dà i giusti tempi di inspirazione ed espirazione. Calmando il respiro, si riequilibra il battito cardiaco e si ristabilisce uno stato di quiete mentale e fisica.
Ti concentri sulla pallina per inspirare e respirare e… lasci fuori dalla mente tutto il resto.

Al di là dei libri della Aron, se sei interessato ad approfondire il tema, ti consiglio di leggere Il potere nascosto degli ipersensibili di Christel Petitcollin.

Monica Aluisetti

Questo sito utilizza i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione possibile. Per dare il tuo consenso al loro utilizzo, clicca l'apposito bottone. Se vuoi approfondire, puoi visitare la pagina dedicata per capirne di più. Voglio approfondire

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi